Festival dello Sviluppo Sostenibile

Il Festival dedicato al percorso italiano verso il conseguimento dell'Agenda 2030


Solo lo scorso febbraio il Rapporto ASviS (Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile) sulla Legge di Bilancio 2019 è stato particolarmente critico, ricordando che in Italia siamo ancora in grave ritardo rispetto al raggiungimento dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’ONU. Fondamentale, dunque, è ricordare costantemente l’importanza del conseguimento dell’Agenda 2030, per non abbassare mai la guardia e per incentivare istituzioni, associazioni, società civile e politici a mettere in atto programmi pratici che permettano il contributo italiano allo sviluppo sostenibile del Pianeta.

In quest’ottica, dal 21 maggio al 6 giugno 2019, si terrà il Festival dello Sviluppo Sostenibile giunto quest’anno alla sua terza edizione. Il Festival è la più grande iniziativa italiana per diffondere la cultura della sostenibilità sociale e ambientale, tramite una serie di eventi che vedranno susseguirsi in tutta Italia convegni, seminari, mostre, spettacoli, eventi sportivi, presentazioni di libri e documentari, rivolti ad un pubblico eterogeneo perché tutti hanno il diritto e il dovere di partecipare al miglioramento e alla conservazione del Pianeta. Saranno accolti eventi anche nei “Dintorni del Festival” (14-20 maggio; 7-13 giugno).

Il Festival dello Sviluppo Sostenibile durerà 17 giorni, tanti quanti sono i 17 SGDs dell’Agenda 2030 dell’Onu. Organizzato dall’ASviS, con i suoi oltre 200 soci e partner, il Festival accoglierà al suo interno singoli eventi di chiunque voglia portare l’Italia su di un sentiero di sviluppo sostenibile e senza finalità commerciali.

Chi volesse proporre il proprio evento, può registrarsi tramite l’apposito modulo sul sito del Festival, contribuendo così in prima persona al percorso dell’Italia verso il conseguimento dell’Agenda 2030. L’ASviS valorizzerà gli eventi tramite il sito dedicato al Festival dello Sviluppo Sostenibile, la propria newsletter e la campagna dedicata sui social media.